<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d4743990940702952739\x26blogName\x3dconfessioni+di+una+mente+pericolosa\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLACK\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://mentipericolose.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://mentipericolose.blogspot.com/\x26vt\x3d3419312974770310513', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>


Benvenuti

Benvenuti Tutti su questo blog,curato dall'esimio Monaldo Politi e Finardi,i nostri nomi sono frutto della fantasia dei due creatori di questo piccolo angolo di riflessione. Ricordiamo di moderare i commenti al vivere civile,siamo qui per confrontarci e non per scannarci,rirceverete risposte spero sempre esaurienti e rispettose dei VOSTRI punti di vista. (Ringrazio anticipatamente Sugar per ogni volta che vorrà arricchire gli spazi con i suoi graditi post)
Verranno eliminati ESCLUSIVAMENTE i commenti non in linea col Disclaimer che vi viene consigliato di leggere per intero.

Buon divertimento.

AddThis Social Bookmark Button CERCA BLOG Blog-Show la vetrina italiana dei blog! TECHNORATI NET PARADE ALICE news YAHOO BLOGROLLING tutto blog MOZILLA- firefox Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Aggregator-link

mentipericolose-link

Recent

Archives

noi siamo un paese a rischio


Noi siamo un paese a rischio.

Tra i tanti eventi che si sono andati dipanando in questi giorni una notizia ha attirato la mia attenzione come un cicalino insistente di un cercapersone,la Farnesina ha pubblicato l elenco dei paesi a rischio per le nostre vacanze.

Ho abbassato il bacino verso il pavimento lasciando scorrere il corpo sul divano,le mani dietro la testa e via ad immaginare un paese del sud del continente americano.
Chi non ha sognato di percorrere le pampas argentine piene di piccoli rivoli e colture che spaziano fino all orizzonte?Visitare una tipica estancias?(fattoria coloniale),bere margarita in un tipico locale all aperto che contepla la strada principale di qualche grossa città?

Sono andato a visitare prima il sito della Farnesina,poi il sito più accreditato per le informazioni di viaggio,Viaggiare Sicuri,mi sono diretto subito verso i due puntini rossi,la Bolivia e il Paraguay.
Sono esploso in una fregorosa risata vedendo le motiviazioni di tale scelta,in ambedue i casi sembrava si parlasse del nostro paese,ma dopo un attento controllo ho notato che a noi il pallino rosso manca,eppure facendo i dovuti confronti non mi pare ci siano dubbi.

Per esplicare merglio facciamo una comparazione tra il noi e i boliviani secondo il metro di giudizio dei due siti da me controllati.

Bolivia Avvisi Particolari

Dal 12.02.2007 - La situazione in Cochabamba e nel resto del Paese, dopo le manifestazioni violente che hanno visto coinvolti popolazione e “cocaleros”, è per il momento tornata alla normalità.Recenti episodi di rapine (anche violente) e sequestri a danno di cittadini europei sono stati segnalati in particolare nei dintorni del Lago Titicaca.

Italia Avvisi particolari

L’Italia ha continuato a non voler introdurre nel proprio codice penale il reato di tortura così come definito dalla Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura. Inoltre, non ha adottato alcuna misura per creare un istituto nazionale indipendente per la tutela dei diritti umani o un organo indipendente che accolga le denunce contro la polizia e ne individui le responsabilità.
Le operazioni di mantenimento dell’ordine pubblico non sono risultate in linea con il Codice europeo di etica per la polizia che, ad esempio, richiede agli agenti di indossare in modo ben visibile qualche segno di identificazione, come il numero di matricola, per far sì che possano essere individuati e chiamati a rispondere delle proprie azioni.
Negli istituti di pena non è mutata la situazione di sovraffollamento cronico e insufficienza di personale, unita a un’alta incidenza di suicidi e atti di autolesionismo. Sono pervenute molte segnalazioni di condizioni sanitarie carenti e di assistenza medica inadeguata e non è diminuita l’incidenza di malattie infettive e problemi di salute mentale.
(Amnesty International Italia Rapporto 2006,prima dell insediamento di Prodi ma le cose non sono cambiate)
Comunque nonstante queste mancanze con solerzia le nostre forze dell ordine lavorano,e bisogna dire anche in maniera molto efficace avendo diminuito il numero di delitti dello stivale il primo semestre del 2006 per quanto riguarda i crimini inerenti alla persona.
Si nota un calo sia per quanto riguarda gli omicidi volontari(293 anno 2005 contro 282 dell anno 2006),undici in meno,davvero raguardevole.
Più sostanziale la diminuzione degli altri crimini contro la persona riguardante le lesioni personali dolose,si nota un effettivo calo dall incredibile picco del secondo semestre 2005(29084)al primo del 2006(24354)
Purtroppo come in BOLIVIA l incidenza dei crimini comuni come i danneggiamenti sembrano seguire un trend di crescita(187138 nel 1 semestre 2006);prende sempre più piede la questione della delinquenza giovanile.
"i delitti commessi spaziano dalle estorsioni alle rapine di strada,ai furti,alle risse,alle violenze sessuali nei confronti delle ragazze legate ai gruppi opposti,vandalismo".
(Questi dati come il virgolettato proviene dal sito ufficiale della polizia di stato http://www.poliziadistato.it/pds/primapagina/note_sulla_sicurezza/2006.htm ,se volete approfondire scaricate le note sulla sicurezza che trovate al suo interno) .

Bolivia situazione sanitaria

Le strutture ospedaliere pubbliche sono, salvo rare eccezioni, carenti; le strutture ospedaliere private, invece, sono migliori almeno nelle principali città quali La Paz, Santa Cruz de la Sierra, Cochabamba e Sucre. Nelle suddette città si possono trovare i medicinali di più largo consumo senza grande difficoltà ed in parte anche quelli destinati a terapie specifiche. Nel caso di ricoveri d’emergenza va fatta molta attenzione alle trasfusioni di sangue poiché mancano i controlli accurati e c'è il rischio di contrarre malattie serie.

Italia situazione sanitaria

Devo ammettere che il reperimento di dati recenti è alquanto ostico,il ministero della salute ferma la relazione sullo stato sanitario del paese al 2003-2004,mentre il piano sanitario nazionale,in spicciolo quello che si prevede si dovrebbe raggiungere come obbiettivo,è aggiornato fino al 2008.
http://www.ministerosalute.it/pubblicazioni/ppRicercaSemplice.jsp?label=pubb
Sorprendente quanto manchi un' informazione aggiornata.

Sondando via internet l ISTAT,usando il motore di ricerca interna si impatta su una serie di pubblicazioni da acquistare e il più aggiornata è relativa alla gravidanza e allattamento al seno(2005).
Anche qui sorprende che con un mezzo immediato come la rete non si riesca ad avere un quadro più recente della nostra situazione sanitaria,che la stragrande maggioranza dei dati si debba reperire attraverso acquisizione di libri pagando,e che comunque questi dati sembrino comunque vetusti.
http://www.istat.it/sanita/salute/
Imperterrito e grondante di sudore per la fatica mi appresto ad un altro tipo di ricerca,quella giornalistica,così mentre mi asciugo la fronte ansimante verso quella che spero essere la meta di un cumulo enorme di dati mancati e l assoluta imposizione di non bere caffè per non aumentare il mio nervosismo arrivo a questa conclusione.

http://www.malasanita.it/
Ovviamente non si tratta del sito di un organo ufficiale dello stato e va preso con le dovute cautele,ma riporta comunque notizie interessanti,come il fatto che i morti per malasanità siano 90 al giorno come emerso nel corso di un convegno di medici riuniti all Istituto dei tumori a Milano,dove gli stessi hanno ammesso non solo che la maggior parte dei decessi presi in considerazione sono dovuti a liste di attera così lunghi che quando il malato giunge è troppo tardi,ma che facendo una comparazione delle vittime provoca più morti degli incidenti stradali in media in un anno.


Bolivia Sicurezza

La difficile situazione economica, in generale, crea il rischio di scioperi spontanei, dimostrazioni e blocchi stradali che possono ostacolare il traffico causando ritardi e modifiche di itinerari.
- di girare con pochi soldi e con la fotocopia dei documenti d'identità, conservando gli originali in albergo poiché i turisti sono facile bersaglio di borseggi effettuati con destrezza.

Italia Sicurezza

La difficile situazione economica, in generale, crea il rischio di scioperi spontanei, dimostrazioni e blocchi stradali che possono ostacolare il traffico causando ritardi e modifiche di itinerari.
- di girare con pochi soldi e con la fotocopia dei documenti d'identità, conservando gli originali in albergo poiché i turisti sono facile bersaglio di borseggi effettuati con destrezza.

Se permettete calza a pennello,avviamoci stancamente verso l ultima voce,mentre mi rilasso prendendo un bella tazzona di caffè solubile misto a orzo,per contravvenire almeno in parte a quanto espresso precedentemente riguardo alla bevanda eccitante per eccellenza.


Bolivia Viabilità

- ai turisti che intendano noleggiare un'auto di prediligere mezzi fuoristrada in quanto solo una piccola parte della rete stradale è asfaltata;
gli autobus ed i pulmini sono spesso in condizioni di manutenzione precarie. La rete ferroviaria è in pratica inesistente; esistono solo alcuni tratti carenti di manutenzione L'aereo è il mezzo di trasporto più efficiente che collega tutte le principali ed alcune secondarie città del Paese.

Italia Viabilità

ai turisti che intendano nolleggiare un auto prediligete i portafogli gonfi in quanto una grande parte della rete stradale è asfaltata ma le nostre autostrade sono molto care.
Guardate un dato sull ultimo aumento:
il prezzo delle autostrade, che doveva salire del 2,4 per cento, su alcuni percorsi si è gonfiato fino al 50 per cento. Da Autostrade per l’Italia spiegano che tutto procede secondo la prassi: il 2,4 per cento era soltanto un valore di media, e i tratti su cui c’è stato un aumento oggi non aumenteranno domani.
Ottime argomentazioni davvero,sapete su cosa hanno basato tali aumenti?
Non su effettivi bisogni della rete,ma su previsioni future di investimento,in pratica non sull analisi effettiva in base della viabilità,l aumento dei mezzi che percorrono quel tratto e/o le condizioni stradali,semplicemente sulle previsioni aleatorie di crescita e per lavori di cui devono essere ancora istituiti appalti o dovrebbero essere già finiti nel 2003.
Controllate in Internet i dati che riporto.

Le ferrovie sono sovraffollate e/o fatiscenti,la linea ad alta velocità TAV ci è costata almeno il triplo che in Francia e alcuni ne discutono la vera utilità(vedasi il post su Beppe Grillo.it).



Sono stanco di questo "clima tropicale",mi alzo dal divano e recandomi in un agenzia viaggi prenoto quindici giorni tutto compreso in Norvegia.

Etichette:



Per commentare cliccate su commenti, qua sotto, e pregate dio di avere opera, mozilla, o ie perchè in caso contrario potete anche chiudere la pagina e andare a bervi un crodino.

Comment | Bookmark | Go to end