<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d4743990940702952739\x26blogName\x3dconfessioni+di+una+mente+pericolosa\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLACK\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://mentipericolose.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://mentipericolose.blogspot.com/\x26vt\x3d3419312974770310513', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>


Benvenuti

Benvenuti Tutti su questo blog,curato dall'esimio Monaldo Politi e Finardi,i nostri nomi sono frutto della fantasia dei due creatori di questo piccolo angolo di riflessione. Ricordiamo di moderare i commenti al vivere civile,siamo qui per confrontarci e non per scannarci,rirceverete risposte spero sempre esaurienti e rispettose dei VOSTRI punti di vista. (Ringrazio anticipatamente Sugar per ogni volta che vorrà arricchire gli spazi con i suoi graditi post)
Verranno eliminati ESCLUSIVAMENTE i commenti non in linea col Disclaimer che vi viene consigliato di leggere per intero.

Buon divertimento.

AddThis Social Bookmark Button CERCA BLOG Blog-Show la vetrina italiana dei blog! TECHNORATI NET PARADE ALICE news YAHOO BLOGROLLING tutto blog MOZILLA- firefox Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Aggregator-link

mentipericolose-link

Recent

Archives

Notturno in osteria n.1


Passeggio con le mani in tasca e campeggia su un impalcatura l immagine di una donna semisdraiata che promuove viaggi esotici,valanghe di informazioni utili sui cellulari,macchine e accessori pensati esclusivamente per la donna.

Con il dorso della mano asciugo il sudore che inizia a colare dalle tempie sbuffando,lasciandola poi oscillare come un pendolo;mi soffermo su un immagine dove un ipertrofica figura con più denti che sorriso invita a perdere centimetri di troppo di cellulite.

Forse peserebbe di meno se non te la facessero notare,o non ci penseresti nemmeno,in fondo non è quello che voglio da una donna.


Certo dall altra parte dello specchio non tutto è roseo.

I telefonini e le riviste "pensate" per i maschietti non brillano di luce propria,e stanno sotterrando il nostro ego con la paura della pancia prominente.

Speciale è anche la sensazione di potersi sentire liberamente diversi.

Non sono ingordo mi basta sentire il calore di un seno appiccicato alla mia schiena.

Quando la sfioro non mi importa se alcune curve non sono perfette,non si tratta di un dipinto su tela ma di carne,e io non sono Giotto

Etichette:



Per commentare cliccate su commenti, qua sotto, e pregate dio di avere opera, mozilla, o ie perchè in caso contrario potete anche chiudere la pagina e andare a bervi un crodino.

Comment | Bookmark | Go to end
  • Blogger VitoBarese says so:
    19:28:00  

    Ave...
    Posso dire una cosa che non c'entra niente? A proposito di "Pelle di leopardo" che sicuramente leggerò, tu hai mai letto "Niente e così sia" di Oriana Fallaci? top

  • Blogger finardi says so:
    20:10:00  

    No...devo ammettere di non aver letto niente...ok domani me lo prendo.

    Vista la firma che ho lasciato da te?^^ semnra strano consiglisto da me lo so ma è una bellissima preghiera. top

  • Blogger VitoBarese says so:
    20:30:00  

    Ave...
    Scusa mi ero dimenticato di quest'altra cosa...
    La conosco la canzone di De Andrè, anche se ammetto di non riuscire ad apprezzarlo come fa mio padre. Già perchè che De Andrè non piaccia è difficile, la musica sarà anche un po'particolare, ma sono le parole che sono poesia, di quella poesia che ti lascia un velo sottile di malinconia o ti fa sorridere con un nodo in gola. E non sempre mi sento di poterle accogliere.

    Comunque sia mi sto quasi convincendo che tutti pregano, a modo loro, ma pregano...anche Finardi!
    Scherzi a parte, grazie della firma, mi ha fatto molto piacere! top